Come una mela

La cura è come una mela che ci dividiamo. Il medico ne prende una parte e il paziente ne prende un’altra. Io medico do il mio tempo per svolgere le cure e il paziente mette il suo tempo nel presentarsi regolarmente in studio per ricevere cure e controlli. Io ci metto la responsabilità nell’ascoltare le esigenze del paziente e trovare il miglior piano di cura possibile per lui in quel momento e il paziente ci mette la sua responsabilità nell’ascoltare le indicazioni e nel seguire il programma concordato. Lo studio mette a disposizione tutti i suoi programmi per mantenere lo stato di salute della bocca prima, durante e dopo le cure e i pazienti mettono la loro costanza nel seguire il programma più adeguato. Lo studio ci mette il rispetto della migliore etica professionale cercando sempre la migliore soluzione tecnologica e i pazienti ci mettono la loro etica comportamentale nel rispettare le scadenze dei pagamenti e i prezzi concordati in partenza. Lo studio ci mette tutta l’energia necessaria per comunicare al massimo tutte le iniziative e le informazioni utili per una

E’ permesso?

è permesso? - il blog del dottormic -

Parliamo ancora di privacy o meglio della nuova legge sulla privacy. Per svolgere al meglio il nostro lavoro di tutti i giorni, un lavoro medico, dobbiamo raccogliere informazioni personali sui nostri pazienti. A volte sono informazioni o dati che vengono definiti sensibili e cioè che riguardano la sfera privata e intima della persona e che possono essere raccolti e utilizzati solo ed esclusivamente per aiutare il medico a scegliere e a portare avanti il miglior trattamento possibile per quel paziente. Questo implica due cose o meglio tre. La prima è che possiamo chiedere e detenere informazioni sul paziente solo al fine di svolgere al meglio il nostro piano di cura e per nessun altro fine. La seconda riguarda il fatto che le informazioni che ci servono devono essere pertinenti al progetto di cura che abbiamo in mente per i pazienti. Per esempio, ho la necessità di avere in archivio il numero di telefono privato di un paziente perché devo poterlo contattare tempestivamente in caso di bisogno per fissare o spostare un appuntamento o per avvertirlo della necessità di assumere o

Il cane mi ha mangiato i compiti

maestra il cane - il blog del dottormic

Questo è un momento di rientro e quindi di nuovo inizio e tradizionalmente viene associato ad una serie di buoni propositi che vanno  all’andare a correre almeno tre volte la settimana all’iniziare a spazzolarsi i denti almeno tre volte al giorno. Spesso questi propositi sono seguiti dall’acquisto di nuove scarpe fiammanti e super performanti o dalla messa in opera di uno spazzolino elettrico di ultima generazione. Risultato? Dopo due settimane le scarpe non hanno calpestato altro che la moquette del negozio e lo spazzolino elettrico è ancora in carica sulla sua base come la prima volta. E così cominciano le scuse: sono tornato troppo tardi, fa troppo freddo (o troppo caldo), non ho ancora letto le istruzioni e via dicendo. Invece di affrontare la ragione per cui abbiamo disatteso il nostro proposito ci inventiamo scuse per dare la colpa a qualcosa d’altro. Il bello è che questo ci fa sentire meglio all’istante, come se togliessimo il tappo ad una pentola a pressione. La ragione è psicologica e serve a proteggere il nostro ego. La nostra psiche vuole pensare a noi

Il sorriso sociale

il sorriso sociale - il blog del dottormic

Ho letto recentemente che esistono più tipi di sorrisi ma prima facciamo un passo indietro. Il sorriso è un potentissimo mezzo di comunicazione. Per sorridere vengono impiegati decine di muscoli. Tutti noi sappiamo come sia difficile se non impossibile imbrogliare con un sorriso, siamo dotati di antenne per capire se un sorriso esprime realmente lo stato d’animo della persona che ci sta di fronte. Imbrogliare con il tono della voce e con le parole è molto più semplice. Recentemente quindi ho scoperto che il sorriso che noi usiamo per comunicare viene definito sorriso sociale ed è quel sorriso che si fa in risposta a una o più persone. Il sorriso sociale può essere di tre tipi: il sorriso di gratificazione che si utilizza per comunicare all’altra persone che si apprezza ciò che ha appena detto o fatto. C’è poi il sorriso di affiliazione che trasmette all’altro la propria vicinanza emotiva e la propria empatia. Il terzo è il sorriso di superiorità che usiamo per comunicare la nostra posizione di dominanza. A questo punto mi sembra scontato dover dire che c’è

Abitudinario…per scelta

abitudinario per scelta - il blog del dottormic-

Sto per partire per il mare, sarà una cosa brevissima, devo sistemare le ultime cose per una piccola casa che ho comprato in Sicilia. Sarà la mia meta per un bel po’ di tempo. Per 20 anni sono andato al mare con i miei genitori, sull’adriatico a San Benedetto del Tronto, poi il cambio e, per altri dieci anni, la montagna sempre nello stesso posto in Trentino. Oggi stavo ascoltando alla radio le destinazioni degli ascoltatori per le vacanze e mi sono stupito della estrema varietà dei luoghi e delle scelte. C’è chi non va mai nello stesso posto, chi cambia continuamente, città, mare, montagna, vicino , lontano, lontanissimo, oriente, occidente, nord e sud. Un pochino li ho invidiati, io non sarei capace di adattarmi ogni volta, di ricominciare a gustare un luogo per poi pensare subito ad un altro. Sono un abitudinario che vede nell’abitudine non la noia o la mancata possibilità di fare esperienze nuove ma la possibilità di coltivare luoghi e persone, di costruire basi su cui sentirsi più saldo. Mi innamoro di un luogo e nascono

Arrivederci giugno

arrivederci giugno - il blog del dottormic -

Ma com’è successo che giugno è quasi finito? In un attimo è arrivato luglio e in studio abbiamo cominciato la turnazione per le vacanze estive. Per N.O.I. è importante continuare a erogare i nostri servizi senza interruzione ma abbiamo anche bisogno di riposo. Come molti dei nostri pazienti sanno, abbiamo messo in pratica, ormai da molti anni, la strategia dei turni per cui andiamo in vacanza in periodi differenti avendo così la possibilità di rimanere sempre aperti, anche nel periodo di agosto. Questo sappiamo essere un grosso vantaggio per i pazienti che non trovano lo studio chiuso e hanno la sicurezza di poter usufruire del servizio e dell’assistenza in tutti i periodi dell’anno. Tuttavia questa gestione ha bisogno anche di un po’ di pazienza da parte di quelle persone che hanno bisogno di un appuntamento e in quel periodo, il dottore o la dottoressa che normalmente li curano, sono assenti. Magari facciamo aspettare un po’ di più, qualche volta abbiamo bisogno di mettere una pezza in attesa che torni il responsabile delle cure per quel paziente ma abbiamo comunque la

La temperatura giusta…per chi?

la temperatura giusta - il blofdeldottormic-

Adesso fa caldo, veramente caldo. L’abbiamo aspettato tanto e adesso è arrivato. In realtà è normale visto che finalmente è arrivata l’estate e come ogni anno si pone il problema della temperatura da tenere all’interno dello studio. Come sempre è una battaglia tutti contro tutti per ottenere il livello di temperatura desiderato. C’è che ama il freddo polare e porta il condizionatore a livelli da glaciazione e chi invece del condizionatore potrebbe tranquillamente farne a meno e non lo vuole nemmeno accendere. Ma il dilemma è: chi comanda in fatto di temperatura? Il medico o l’assistente? E il povero paziente non può avere voce in capitolo? Io penso che sia necessario essere un po’ democratici e sentire tutti i pareri. È vero che per lavorare, a volte anche sotto pressione, è necessario avere un clima non troppo caldo ma in caso contrario, con il freddo, è un attimo prendersi un malanno o il classico torcicollo che peggiorerà il lavoro nei giorni successivi. Si legge in giro che non bisogna tenere una temperatura inferiore ai 4-5 gradi rispetto alla temperatura all’esterno.