Mese: ottobre 2015

Guardare il mondo (e i propri denti) attraverso lo smartphone

Guardare il mondo (e i propri denti) attraverso lo smartphone - il blog del dottormic -

Viviamo per poter comunicare.\r\nE cosa comunichiamo oggi?\r\nParadossalmente comunichiamo che siamo vivi!\r\nE importanti e degni di attenzione da parte di chi, a sua volta è come noi.\r\nSe un momento non è stato condiviso, apprezzato e commentato nella vita reale come online non è mai successo.\r\nAbbiamo subappaltato la nostra auto-percezione la quale viene svuotata e riempita di significato sulla base delle interazioni e degli apprezzamenti che la nostra comunicazione riesce a ricevere. E questo meccanismo trova un terreno di crescita ideale proprio online. Nella produzione di contenuti su noi stessi abbiamo la possibilità di curare tutti gli aspetti generali e particolari per creare un personaggio fittizio o artificioso. È il personaggio che vorremmo essere, indipendentemente da quanto sia vicino o lontano da quello che siamo veramente. Lo ideiamo, lo costruiamo, lo prepariamo all’azione…\r\n …e poi scattiamo un selfie. \r\n A quel punto non saremo più noi che guardiamo e giudichiamo noi stessi ma la palla passa in mano agli altri. Noi ricordiamo che esistiamo al mondo, riceviamo complimenti o critiche, ci sentiamo appagati dai rapporti sociali e dalle interazioni che la nostra immagine crea

Volevo essere il primo

volevo essere il primo - il blog del dottormic -

(“breve considerazione sul fenomeno dei panettoni di ottobre”) \r\n Ogni anno ci provo e ogni anno mi battono sul tempo! Non riesco mai ad essere il primo a introdurre le feste natalizie. La prossima volta comincio a pensarci a ferragosto… \r\n Anche quest’anno infatti il 10 ottobre ho notato, in un supermercato della mia zona, una montagna di panettoni con carta natalizia in bella vista a metà della corsia centrale. \r\n E ho pensato: ”…è già Natale!”. \r\n Il mio cervello non ce l’ha fatta a reagire con la ragione in tempo. Alla vista di quelle forme e di quella carta colorata, la parte emozionale, come sempre, ha prevalso e quella dolce, carezzevole, elettrizzante sensazione di festa natalizia ha invaso il mio corpo in un istante. Chiaro che dopo pochi secondi la parte razionale si è accorta dell’incongruenza e la domanda è sorta, anche quella spontanea: “…ma non sarà un po’ presto?”. \r\n L’intento a prima vista è puramente commerciale ma se ci pensiamo, qualche anno fa, questa anticipazione commerciale del tempo di festa sarebbe veramente apparsa ridicola e fuori

Il Diabete: i sospetti del dentista

IL DIABETE I sospetti del dentista - il blog del dottormic -

Ci sono molte persone che hanno una condizione pre-diabetica o che soffrono già da tempo di questa patologia senza tuttavia che ne siano minimamente a conoscenza. Quando queste persone si recano dal dentista è possibile che il professionista sia in grado di selezionare quei pazienti che potrebbero essere ammalati senza esserne a conoscenza e di conseguenza inviarli al medico curante o direttamente ad uno specialista.\r\n Ci sono cinque condizioni che potrebbero insospettire il dentista: \r\n\r\n \r\n \r\n la bocca secca (xerostomia). In questo caso è presenta una riduzione della saliva nella bocca dovuta sia danni che l’iperglicemia causa alle cellule delle ghiandole che la producono. Il sintomo principale è il bruciore. \r\n \r\n \r\n La candidosi orale è un’infezione che si dice opportunistica causata dall’iperglicemia. Si presenta con delle lesioni sul dorso della lingua e su tutto il cavo orale. A volte è presenta quella fastidiosa infezione ai lati della bocca. \r\n \r\n \r\n Esiste il lichen planus che è una malattia associata di frequente con il diabete. Si presenta con delle strie biancastre sulle mucose di tutta la bocca \r\n \r\n \r\n La carie rappresenta un segnale importante perché,

Il Diabete: dove inizia la prevenzione

IL DIABETE Dove inizia la prevenzione - il blog del dottormic -

La prevenzione del diabete inizia dall’ambulatorio odontoiatrico.\r\n Sembra una dichiarazione un po’ strana ma in realtà ha un senso, soprattutto se si pensa che il dentista risulta essere lo specialista privato più consultato dagli italiani. Inoltre è possibile per un odontoiatra eseguire uno screening (selezione) dei pazienti che potrebbero essere ammalati, basato sull’anamnesi e sulle condizioni di salute della loro bocca. \r\n Aggiungo anche che esistono ormai delle certezze fondate sulla letteratura scientifica che affermano come il miglioramento della salute del cavo orale migliori il controllo della glicemia così importante in caso di diabete. \r\n Il diabete è una patologia in grande espansione e più tardi viene diagnosticato, maggiori e più gravi saranno le complicanze. L’odontoiatra è coinvolto quindi nella diagnosi di questa malattia anche se in realtà non è un compito proprio della nostra professione. Tuttavia a noi spetta il compito di individuare, dove possibile, i soggetti a rischio in questa, come in altre malattie per poi riferire questi pazienti al medico curante o allo specialista. \r\n Vanno distinte due situazioni particolari quando prendiamo in considerazione il diabete e i

Tempo di castagne

Tempo di Castagne - il blog del dottormic -

Si chiama Cinipide Galligeno l’insetto killer arrivato dalla Cina, che sta mettendo in serio pericolo 780mila ettari di boschi di castagno e che ha già provocato danni ingenti riducendo il raccolto nazionale del 50 per cento.\r\n Incredibilmente ce ne eravamo accorti anche noi! \r\n Le castagne sono venute a mancare per alcuni anni e abbiamo notato una vertiginosa diminuzione delle fratture di denti, otturazioni e corone protesiche dovute all’effetto caldarrosta. Un effetto ben conosciuto dai dentisti che manifesta il suo picco nefasto proprio nei mesi tra ottobre e novembre. La castagna come si sa è traditrice in quanto nello stesso frutto, una volta arrostito, possono coesistere zone morbide e soffici con zone di durezza variabile tra il legnoso e il cemento armato. Questo fenomeno manda in confusione il nostro cervello che organizza uno schema di masticazione per una durezza e inaspettatamente se ne ritrova un’altra. A questo punto per il fragile dente malcapitato non c’è scampo e si assiste alla drammatica frattura dello stesso. Il risultato poi viene sottoposto all’osservazione del dentista che può solo cercare di riparare i danni che a volte sono ingenti

I Profili Social

I Profili Social - il blog del dottormic -

Il 55% dei datori di lavoro rivaluta la scelta di un candidato dopo averne visitato i profili social. Proprio mentre sto per scrivere un post dedicato alla reputazione in rete, leggo questa notizia e mi chiedo se tutte le persone che amano mettere la loro vita on-line si rendono veramente conto che tutto quello che spostano sarà a disposizione per il giudizio di chiunque. Quando ho deciso di cambiare lo stile della nostra comunicazione social ho passato giorni a pensare se fosse il caso di mettere un po’ della mia vita privata a disposizione del giudizio di chiunque e in special modo dei nostri pazienti. Non si tratta semplicemente di decidere di non vergognarsi di quello che si è anche in ambienti diversi da quello di lavoro ma si tratta di capire se questo può influire sul giudizio che le persone danno di noi.\r\n Un giorno, tanti anni fa, frequentavo ancora l’università e andavo in treno a Milano per partecipare alle lezioni. Un lunedì mattina stavo rivedendo gli appunti per quel giorno seduto sul mio sedile e mi sono reso conto che

Occhio non vede, dente non duole

Occhio non vede, dente non duole. - il blog del dottormic -

Se chiediamo ai nostri pazienti di frequentare regolarmente il nostro studio ci sarà un perché. Attenzione, ho usato volutamente la parola chiediamo invece di u più cortese invitiamo perché in realtà sono talmente convinto della necessità di un tale comportamento che vorrei si pensasse più ad un dovere che ad un semplice invito. Ci rimango male quando un paziente che ha affidato a me la sua salute si ammala. Non posso permetterlo. La seduta di igiene orale programmata rappresenta il passaporto per la salute della bocca dei pazienti e la nostra organizzazione si fonda proprio su questo. Se l’igiene è il passaporto, allora le radiografie di controllo (che tecnicamente noi chiamiamo bite wing), sono il visto di ingresso alla prevenzione di tutte le carie che non si vedono ad una normale visita di routine. Ma il fatto che io non veda qualcosa non significa necessariamente che non ci sia!\r\n Non fare qualcosa, rimandare, aspettare, non prendere nella giusta considerazione, sono tutte azioni che portano inevitabilmente al peggioramento della salute della bocca. La nostra risposta è adesso. La nostra parola preferita è ORA. \r\n La carie non è un effetto

Inaspettata Expo

Inaspettata EXPO - il blog del dottormic -

Un grande rimpianto per l’EXPO inaspettata…\r\n Venerdi 3M (azienda leader nel settore dentale e non solo), in occasione dell’incontro sul tema del digitale in odontoiatria, ha organizzato per i relatori e i partecipanti alla giornata, una visita guidata all’EXPO di Milano. Io ci andavo per la prima volta e devo dire subito la verità: mi dispiace di non esserci andato prima. Sono rimasto molto sorpreso e piacevolmente affascinato nello scoprire come tanti padiglioni (non tutti) siano riusciti a sintetizzare in modo estremamente efficace e lucido il vero rapporto dell’uomo col cibo e in definitiva con la Terra stessa. Tanta concettualità davvero non me l’aspettavo. Una serie di contenuti e di piani di lettura che sono in grado di coinvolgere sia il visitatore più distratto e in cerca di una semplice giornata di evasione sia il visitatore che ogni giorno si fa domande sul suo rapporto con il mondo in cui vive e magari pensa di trovare qualche risposta proprio in questo luogo. Un luogo davvero da scoprire, interessante, in cui hanno trovato posto giustificato tutte le critiche e le lodi

Cosa c’è scritto nel Codice d’Onore

Cosa c'è scritto nel Codice d'Onore - il blog del dottormic -

Ok, dopo tanto parlare è arrivato il momento di conoscere il nostro Codice d’onore. L’abbiamo diviso in 5 capitoli che tracciano la strada verso una collaborazione intensa, leale e produttiva all’interno del team che dirige il nostro studio Si parte dalla fiducia senza la quale non ci può essere un confronto. Dal confronto nasce poi l’impegno che se viene condiviso da tutti porta alla responsabilità reciproca e all’ottenimento di risultati comuni. Il codice è stato ideato e scritto da me, dalle mie sorelle e dai miei cognati durante due giorni in cui abbiamo deciso di fermarci, guardarci negli occhi e pensare a come costruire un’attività che potesse funzionare nel migliore dei modi, fondata sui valori che condividiamo. Questo è il nostro Codice: FIDUCIA Tra i membri della squadra ci si dà fiducia intelligente reciprocamente Puntualità Riservatezza Ci si difende l’un l’altro CONFRONTO 6. Si comunica in maniere diretta il prima possibile con i membri della squadra e chi riceve la comunicazione ascolta (incassa, non si giustifica) 7. Ci si incontra 8. Non supporre nulla, se non capisci chiedi IMPEGNO 9. Non si abbandona mai un membro