Categoria: Attualità

COMBATTERE IL CORONAVIRUS CON I CONSIGLI DELLA MAMMA

mamma e bimba coronavirus - il blog del dottormic -

Sono andato a cercare le linee guida delle principali organizzazioni https://www.cdc.gov/coronavirus.htmlche si occupano di monitorare controllare e informare la popolazione sui comportamenti da tenere in questo momento in cui il mondo intero sembra essere minacciato dal pericolo di una pandemia da Coronavirus.L’ho fatto per cercare di capirne di più e per poter scrivere qualcosa di utile sul questo blog che leggono molti dei miei pazienti. Dopo numerose ricerche ho scoperto una cosa molto interessante: le linee guida che dà l’organizzazione mondiale della sanità sono le stesse che ha dato mia mamma ai suoi tre figli quando ancora eravamo piccoli. Volete sapere quali sono? Eccovi accontentati.Magari qui sotto potete scrivermi per confermare il fatto che anche le vostre mamme erano (e sono) esperte di controllo sulla diffusione delle malattie infettive… Lavati spesso le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi (ovviamente c’era il controllo e se ti vedeva con le unghie ancora sporche si tornava insieme in bagno per ripetere l’operazione. Oggi le mamme moderne viaggiano con il flacone di amuchina gel in borsa) Copri la tosse o starnutisci

E COSÌ ANCHE QUEST’ANNO…

periodo dell'influenza - il blog del dottormic-

E così, anche quest’anno, è arrivato il periodo dell’influenza. In studio ce ne accorgiamo immediatamente. L’agenda si riempie di buchi dovuti alle disdette dell’ultimo momento causa malattia. Quando al telegiornale sentiamo che mezza Italia è a letto con l’influenza noi ce ne siamo già accorti. Lavoro in più per la segreteria che deve riempire gli appuntamenti mancati per permetterci di lavorare con continuità e per ricollocare gli appuntamenti disdetti. Con qualche disagio ma con la consapevolezza di avere svolto ancora una volta un servizio al meglio. L’espandersi dell’epidemia stagionale si nota anche da una serie di sintomi che colpiscono la bocca dei nostri pazienti e che rappresentano un problema secondario legato alla patologia principale che è appunto quella influenzale. L’influenza debilita tutto l’organismo che usa molta energia per difendersi dall’attacco virale. Dopo qualche giorno i sintomi principali (febbre, raffreddore, tosse, dolore) passano per lasciare spazio ad un malessere generale dovuto essenzialmente alla debilitazione fisica. Le gengive e, in generale, i tessuti della bocca sono molto sensibili a questo tipo di debilitazione fisica generale e tendono ad infiammarsi, ad arrossarsi e

LA CURA ODONTOIATRICA DEI PAZIENTI CON DISABILITÀ (IV parte)

disabilità e odontoiatria - il blog del dottormic -

Pazienti normali, con diritti normali, con problemi speciali. Questi sono per N.O.I. i pazienti disabili. Prima di tutto c’è la comunicazione che ci serve per entrare in relazione. Si comunica direttamente con il paziente oppure si comincia con la persona che si occupa di quel paziente tutti i giorni. Per conoscere le abitudini, il modo di fare, i problemi, le paure, le aspettative. Per capire il grado di collaborazione, per decidere se possiamo essere utili e come possiamo esserlo. Dobbiamo capire se un paziente è collaborante, se può essere responsabile della sua salute oppure se non è del tutto collaborante e allora saremo noi a dover fare di più oppure dovremo capire se un paziente non è collaborante per nulla e allora dovremo essere in grado di formulare comunque una diagnosi e scrivere un piano di trattamento anche se poi non saremo noi a curarlo ma dovremo indicare i tempi e i luoghi migliori per far si che possa ricevere al meglio le cure di cui necessita. In generale comunque la cura odontoiatrica del paziente con disabilità prevede alcuni accorgimenti

IL NATALE È COME IL MAL DI DENTI

natale e mal di denti - il blog del dottormic-

Il Natale è come il mal di denti…quando arriva, arriva. L’ultima settimana prima di Natale è, da sempre, una settimana particolare. Riceviamo come sempre tanti pazienti in studio, rispondiamo a tantissime chiamate e cerchiamo di risolvere i problemi di tutti. Con un pensiero in più: a Natale non si può e non si deve avere mal di denti. Perché si deve vivere più serenamente il periodo di festa, perché si deve sorridere e si deve mangiare in compagnia. E così succede che i lavori vanno tutti finiti per Natale, che ogni urgenza va risolta entro Natale, che tutto deve essere pronto, provato, collaudato e concluso per Natale. N.O.I. ce la mettiamo tutta. Non abbiamo orari, non ci risparmiamo, corriamo, ascoltiamo, risolviamo, andiamo in ritardo, ci arrabbiamo e facciamo anche un po’ arrabbiare ma lo facciamo con il massimo impegno e la massima serietà perché sappiamo che con il nostro lavoro possiamo evitare che qualche festeggiamento venga rovinato. Anche se il mondo non finirà, anche se saremo presenti in studio il 27 e poi altri giorni di dicembre e di gennaio

LA CURA ODONTOIATRICA DEI PAZIENTI CON DISABILITÀ (III)

Le malattie che colpiscono i pazienti con disabilità sono, in generale, le stesse che colpiscono tutti gli altri pazienti tuttavia c’è una maggiore frequenza di malattie come la carie e la malattia parodontale o piorrea, le malattie della mucosa orale e le variazioni patologiche dell’occlusione e della funzione masticatoria. Non è un caso che siano queste le malattie più frequenti infatti queste sono le patologie che sono più legate alla collaborazione del paziente e naturalmente, altri fattori incidono sul peggioramento della salute orale di questi pazienti: limitata o assente autosufficienza, terapie farmacologiche, particolari tratti oro-facciali o sistemici. Come ho già detto negli altri articoli, sono proprio queste le condizioni che aumentano gli ostacoli da affrontare per un disabile. La cura odontoiatrica delle persone in generale mira a migliorare le condizioni di salute orale e, nel caso specifico delle persone con disabilità, cerca di superare gli ostacoli legati ai deficit fisici, sensoriali, intellettuali, mentali, medici o emotivi. Nella maggioranza dei casi ci si trova di fronte a uno di questi ostacoli o ad una combinazione dei fattori citati che per la loro stessa

E SE NON PARTECIPO AL BLACK FRIDAY?

Oggi, lavorando su uno dei computer dello studio nel reparto clinico, è comparsa una finestra che mi ricordava di comprare l’ultimo antivirus aggiornato. Fin qui tutto normale, il computer è collegato ad internet e le offerte fioccano, se non fosse per il fatto che la finestra in questione era nera e riportava la grafica e la dicitura del “famigerato” BLACK FRIDAY. Domanda: ma cos’è il Black Friday? Sono i saldi che hanno cambiato nome? Mi regalano qualcosa? È una sorta di 3X2? Perché è da settimane che ci sono offerte con questo nome quando, in teoria, dovrebbe essere un solo giorno? Ma soprattutto: se non partecipo al Black Friday commetto qualche ingiustizia o nefandezza? Si offende qualcuno? A parte gli scherzi, con la salute non c’è nulla da scherzare. Non esistono offerte per le nostre cure. La salute non è mai IN offerta ma è UN’ offerta per migliorare la qualità della nostra vita. Sfruttate pure questa opportunità di sconto per cambiare televisore, telefonino o per rifarvi il guardaroba e quello che avete risparmiato investitelo in salute o meglio in

SIAMO PRONTI A FIDARCI DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE?

L’altro giorno ero in auto e dovevo arrivare ad Asti partendo da Monguzzo (provincia di Como). Come sempre chiedo aiuto a Google Maps per le indicazioni sulla strada e sul traffico. Subito vengo avvertito della presenza di rallentamenti e incidenti di vario genere (cosa normale alle sette del mattino su quelle strade) e mi viene proposta una strada alternativa che mi permetta di evitare gli incidenti e risparmiare tempo arrivando perfettamente in orario. Guardo il percorso e mi rendo conto che non conosco minimamente nessuna delle strade proposte ma, nonostante questo, mi fido. Seguo tutte le indicazioni attraverso paesi sconosciuti, deviazioni, zone senza punti di riferimento oscurate dalla nebbia di novembre. Mi fido di una macchina che conosce le strade, tutte le strade, che processa miliardi di informazioni sul traffico e sulla mia posizione e alla fine arrivo a destinazione perfettamente in orario. Dopo qualche giorno leggo la notizia che la stessa Google ha presentato a maggio 2018 il suo nuovo assistente vocale di Duplex incredibilmente realistico, che oltre al parrucchiere sa prenotare un tavolo al ristorante o fare domande

LA CURA ODONTOIATRICA DEI PAZIENTI CON DISABILITÀ (I)

Nell’ultimo articolo ho parlato di persone disabili e di come, a mio parere, queste persone non debbano avere particolari diritti legati alla loro condizione ma debbano avere, e far valere, gli stessi diritti di tutte le altre persone. La differenza sta nel fatto che i disabili hanno molti più ostacoli nel far valere gli stessi diritti. C’è tanto lavoro da fare per smettere di considerali in modo particolare ma al contrario cominciare a considerarli come persone normali e aiutarli a superare ostacoli e barriere di vario genere. Era un discorso generale legato ad una mia esperienza di viaggio personale. Tuttavia, come spesso capita, questa esperienza mi ha fatto fare delle considerazioni direttamente legate al mio lavoro o meglio al lavoro che lo studio dentistico fa ogni giorno per la salute delle persone. Se quindi è vero che i disabili sono persone come tutte le altre è altrettanto vero che il loro accesso allo studio non è così normale come dovrebbe essere. Per prima cosa ho notato che, nonostante non abbiamo mai messo barriere sia fisiche che di altro genere, sono

AFFRONTARE LA DISABILITÀ

Quest’estate sono andato in vacanza, come tanti. Un periodo di riposo meritato che è incominciato dal viaggio di andata verso il mare. Anche questa volta, come già successo in passato, ho affrontato il viaggio insieme a persone care tra le quali una persona disabile al 100%. Come dicevo, non è la prima volta. Affrontare un viaggio in auto, poi in nave e alla fine ancora in auto non è cosa semplice; se lo si affronta con un bambino di 18 mesi e con una persona in carrozzina le cose possono diventate decisamente complesse soprattutto se le persone che dovrebbero aiutare ad abbattere i problemi legati a questa condizione non comprendono la situazione o non sono preparate ad affrontarla. E così ti ritrovi in coda, imbottigliato tra decine di auto sotto il sole per ore solo perché un addetto non vuole rovinare la loro perfetta disposizione sul piazzale e non può concedere quei 50 centimetri che potrebbero permettere alla persona disabile di scendere. Chiaramente tu fai presente che hai a bordo una persona disabile al 100% (e mi chiedo se non

DIMENTICATOIO

dimenticatoio - il blog del dottormic -

Ogni tanto basta una semplice espressione a far nascere una riflessione più complessa. Al ritorno dalle vacanze ho assistito ad una conversazione tra una madre e un figlio sul fatto che la voglia di studiare fosse, durante l’estate, finita nel dimenticatoio. Sarà perché in quel momento stavo aspettando le istruzioni di sbarco dalla nave e non avevo nulla di meglio da fare ma mi sono trovato a pensare se potesse esistere veramente un luogo dove vengono conservate tutte le cose che ci dimentichiamo. Sembra un luogo dedicato apposta, che è stato creato per una funzione. Perché quello che ci dimentichiamo deve finire in un luogo preciso? Serve per poi andare a riprendere e ritrovare qualcosa o serve solo per rammentare che ci siamo dimenticati? E poi, se mi dimentico di pagare una bolletta non c’è nessuno che me la paga nel dimenticatoio, se lascio da qualche parte le chiavi non le troverò certo nel dimenticatoio. Questo perché il dimenticatoio non è un luogo fisico, reale ma un luogo ideale dove più spesso vanno a finire i progetti, i propositi, le