Categoria: Attualità

ECCO È STATO UN ATTIMO

ecco è stato un attimo - il blog del dottormic -

Ecco è stato un attimo. Questo 2021 è iniziato e siamo già arrivati a Pasqua. La parola più utilizzata in questi primi tre mesi dell’anno è stata vaccinazione. Vaccino sì, vaccino no, prima ce ne sono tanti e per tutti, poi sembra che non ce ne sia per nessuno. Tutti aspettano la chiamata che sembra non arrivare ma poi arriva. Indipendentemente dalle polemiche e dai mille problemi ci vaccineremo in tanti quest’anno e poi saremo pronti per la riapertura. A questo punto la domanda potrebbe essere? Ma siamo davvero pronti alla riapertura? Abbiamo tutte le risposte che ci servono per potere affrontare questa nuova fase del nostro lavoro e della nostra vita?Spesso uno dei problemi più grandi che mi trovo ad affrontare durante la giornata è quello di non avere tutte le risposte. Ogni giorno vengo investito, nel mio ruolo di leader dello studio, da una mole più o meno ampia di domande. È un’aspettativa ingiusta che qualsiasi leader abbia tutte le risposte, soprattutto mentre navighiamo attraverso territori inesplorati pieni di problemi complessi. L’unico metodo che voglio perseguire è quello

È LA TENSIONE CHE CI FA MUOVERE

img è la tensione che ci fa muovere - il blog del dottormic -

In questi giorni sembra finalmente che stia per tornare un po’ di normalità.Anzi no.I numeri sono ancora altissimi e la preoccupazione resta enorme. Si prova a tornare alla normalità non sapendo nemmeno più qual è la normalità. Tuttavia alcune regioni potrebbero cambiare colore verso restrizioni più evidenti, altre lo hanno già fatto. Sembrava tutto finito molte persone si sono riversate nelle strade nelle piazze e nei ristoranti per riassaporare quel senso di libertà troppo a lungo soffocato e soprattutto per stemperare la tensione negativa accumulata in questo anno e gli effetti sono stati immediati: tutti a casa o meglio tutti in casa. La tensione mette tutti a disagio ed è una cosa che chiunque cerca di evitare. Ci dà fastidio essere in tensione, sentirci in quello stato d’animo. Dobbiamo però tenere in conto che non sempre la tensione è negativa. Se continuiamo a rifiutarci di affrontare i problemi o le nostre responsabilità per non doverne affrontare lo stato di tensione associato, finisce che precipitiamo in uno stato ancora peggiore, quello dell’immobilità. Questo ci dice che i problemi particolarmente difficili non

LA MENTALITÀ “NOI”

la mentalità NOI - il blog del dottormic

Se abbiamo imparato qualcosa dalla pandemia globale che continuiamo a vivere, è che siamo tutti connessi. Facciamo tutti parte di un sistema a trama fitta, in cui ciò che accade in un’area ha un impatto sugli altri in un’altra parte del sistema.E poiché siamo tutti connessi, una volta consapevoli di questo fatto, ci conviene cominciare a pensare ed agire con un diverso approccio. La cosa interessante è costituita dal fatto che questo approccio si può applicare quando pensiamo a tutto il mondo nella sua globalità, ai continenti, agli stati, alle regioni, fino ad arrivare direttamente all’interno delle nostre comunità e nelle nostre famiglie.Incredibile. Questi mesi (ormai stanno diventando anni!) ci hanno insegnato che la mentalità “come posso prosperare io e il mio” non è una strategia vincente e non ci permette di pensare al futuro nostro e di chi vive con noi. Al contrario cominciare a pensare con la mentalità “come possiamo prosperare tutti” ci permette di inquadrare tutta la nostra vita in una prospettiva più ampia e utile. Chi ci segue da tempo sa che la mentalità NOI è uno dei

È ARRIVATA PURE LA NEVE

è ARRIVATA ANCHE LA NEVE - IL BLOG DEL DOTTORMIC -

È arrivata pure la neve. Ci mancava. Quindi nell’ordine: una pandemia, incendi, terremoti sparsi, crisi economica e altre cose che è meglio dimenticare. Direi che questo 2020 ci ha offerto di tutto, mentre scrivo, essendo il 30 dicembre, mi chiedo cosa potrebbe succedere in questi due giorni! Un anno da dimenticare, come pensano in molti. La mia domanda è questa: possibile che non ci sia qualcuno per il quale, al contrario di tanti, questo anno non sia da ricordare? Ho fatto una piccola indagine: qualcuno si è laureato, si è sposato, ha avuto figli, ha iniziato nuove attività, ha scoperto nuove passioni, ha ricominciato una nuova vita, ha ritrovato vecchi amici, ha vinto al gratta e vinci. Molti nostri pazienti hanno continuato, nonostante il lockdown a prendersi cura della propria salute, avevano dolore, disagio, e sono comunque riusciti a migliorare la loro situazione. Mentre scrivo gli auguri di fine anno ogni volta cerco di essere positivo, di trovare almeno un po’ di entusiasmo per affrontare il nuovo sapendo che proprio l’entusiasmo è il miglior carburante per ogni inizio.Proviamoci insieme. Partiamo

2020: DOVEVA ESSERE TANTE COSE (seconda parte)

2020 doveva essere - il blog del dottormic -

Il nostro è un sistema che è cresciuto molto in questi anni sia in grandezza che in complessità. La macchina che lo governa è articolata ed eterogenea e sempre esposta alle spallate che arrivano dall’esterno, figuriamoci quando le spallate si chiamano COVID19! Eppure nonostante questa fragilità non siamo deboli, perché siamo sostenuti da una risorsa fondamentale che sono le persone che lavorano e collaborano con noi. Quando penso a questi 20 anni che sono passati e che avrei voluto festeggiare in modo completamente diverso, non riesco a fare a meno di pensare a tutte le persone che ogni giorno hanno affrontato e affrontano con me e la mia famiglia questo viaggio. Penso che siano persone straordinarie che hanno sempre saputo impegnarsi, ognuna con il proprio talento, per affrontare tutte le sfide che ci siamo posti e anche le sfide che ci sono state messe davanti da qualcun altro. Non mi sono mai sentito solo e ho sempre trovato qualcuno disposto ad accompagnarmi nel viaggio che dopo tanti anni ancora, per fortuna, non vede la linea di arrivo. Vorrei ringraziare tutte

2020 DOVEVA ESSERE TANTE COSE E INVECE…

doveva essere l anno - il blog del dottormic -

Era iniziato come sempre, con tanti buoni propositi e tante aspettative. Avrebbe dovuto essere ricordato per l’apertura del nuovo studio 1 Sorriso a Colori, completamente dedicato ai bambini.Doveva essere l’anno del cambio di terza generazione con l’ingresso dei nipoti nell’organico dello studio. Doveva essere l’anno in cui provare a crescere ancora una volta dopo i record di presenze e di pazienti curati del precedente. Doveva essere l’anno in cui avremmo consolidato l’utilizzo di tecnologie sempre più all’avanguardia, ma soprattutto doveva essere l’anno in cui avremmo festeggiato i primi vent’anni. Già perché quasi senza accorgermene, un giorno guardo di sfuggita il certificato di laurea e mi accorgo che sono passati 20 anni anche se a me sembrano passati pochi mesi. Ed è così che cominci a pensare a cosa è successo, alle cose che sono passate, a cosa è andato bene e cosa invece no. Alle persone che sono passate e a quelle che sono arrivate. Da ultimo ti rendi conto che non solo è cambiato il tuo studio ma, nello stesso tempo, è cambiato il mondo. Per chi, come noi,

LA LIBERTÀ È

la libertà è - il blog del dottormic -

Libertà.Libertà è una parola che abbiamo sentito spesso in questi giorni.L’ho sentita molte volte associata a manifestazioni contro l’uso della mascherina.Penso che chiunque abbia il diritto di manifestare le sue idee e convinzioni e che, come dico sempre, abbia comunque ragione dal suo punto di vista. Tuttavia questa non è libertà. La libertà non è la possibilità incondizionata di fare ciò che si vuole. Non è libero il vagabondo che non ha legami e non deve rendere conto a nessuno, così come non è libero chi va contro le regole, o chi fa di un capriccio il suo volere. La libertà è una rete molto complessa che include pensiero istruzione, espressione, ampiezza di possibilità idee e pensieri interni e realtà esterna La libertà è sempre rivolta al bene e al valore.C’è qualcosa di più libero di vedere come si muovono le mani di un pianista su una tastiera?Sembrano danzare libere senza regole, eppure questi movimenti non sono affatto casuali, arbitrari ma, al contrario, sono studiati, equilibrati, rigorosi e limitatissimi. La libertà è un volante da tenere ben saldo e da

NON ABBASSIAMO LA GUARDIA

noi non abbassiamo la guardia - il blog del dottormic -

N.O.I. non abbassiamo la guardia. Sono passati ormai otto mesi dalla prima ondata di covid-19 che ha colpito il nostro paese e purtroppo stiamo affrontando un altro nemico altrettanto pericoloso per le nostre vite: l’abitudine. Vi ricordate la paura e l’ansia che avevate il primo giorno in cui, da neopatentati, siete andati in auto da soli?Oggi, dopo anni di esperienza e abitudine, non provate più la stessa paura anche se il rischio rimane lo stesso di allora e forse è anche aumentato. Questo perché è facile abituarsi e assuefarsi al pericolo e alle sensazioni che ne derivano. Dopo un po’ di tempo corriamo il rischio di non essere più così attenti e concentrati. È per questo che proprio adesso non dobbiamo abbassare le difese che abbiamo alzato giustamente qualche mese fa. Perché le cose non sono tornate come prima. Qualche paziente in studio comincia a mostrare segni di insofferenza per il fatto di dover aspettare un po’ di più per un appuntamento, di dover sottostare a procedure complicate e lunghe per accedere allo studio o di vedere negata la possibilità

LA GIUSTA CAUSA

giusta causa - il blog del dottormic -

N.O.I. crediamo in una giusta causa. Da vent’anni vogliamo influire positivamente sulla salute delle persone. Ma c’è una domanda che ci aspettiamo di ricevere: cos’è per voi una giusta causa? Una giusta causa è qualcosa in cui crediamo e per cui ci battiamo (nonostante le avversità più grandi come la pandemia che stiamo vivendo). Visto che ci battiamo per qualcosa, vogliamo che sia qualcosa di positivo e ottimistico. Quindi non vogliamo opporci a qualcosa o a qualcuno. Non siamo contro la carie, non siamo contro chi svilisce il nostro lavoro con continue offerte e sconti, non vogliamo raccogliere il consenso delle persone contro qualcosa. Sarebbe troppo facile sfruttare la rabbia o la paura per scaldare gli animi e radunarli a nostro favore. N.O.I. vogliamo lavorare e combattere per qualcosa perché essere per infiamma il nostro spirito e ci riempie di speranza e ottimismo. Essere contro significa svilire, rifiutare o addirittura demonizzare le persone senza avere un proprio scopo preciso e proiettato in avanti. Al contrario essere per significa invitare gli altri a unirsi a noi per una causa comune e

INFLUENZARE LE PERSONE

influenzare le persone - il blog del dottormic -

Quando parliamo di salute non stiamo facendo altro che cercare di influenzare le persone. Lo facciamo perché crediamo nel nostro progetto lavorativo. Abbiamo una missione chiara e esplicita. Chi legge queste pagine conosce o può andare a leggere. Vogliamo influenzare positivamente le persone perché diventino più responsabili verso la loro salute, verso un concetto di stare bene senza rincorrere facili strade o scorciatoie. Dovete sapere che ci sono solo due modi per influenzare il comportamento delle persone: il primo è manipolandole, il secondo è ispirandole. La manipolazione non è per forza negativa, dispregiativa. Al contrario è un modo di condurre le relazioni umane che tutti noi abbiamo usato o ne siamo stati oggetto. Ci sono tantissime forme di manipolazione: ridurre i prezzi, lanciare una promozione, far leva sulla paura, sfruttare la pressione di chi ci sta intorno o di personaggi famosi, promettere innovazione. Vi viene in mente qualche occasione in cui vi siete sentiti manipolati? Perché se c’è una cosa certa è che le manipolazioni funzionano. C’è però un secondo modo per influenzare le persone ed è il modo che