Categoria: Mission

LA CURA ODONTOIATRICA DEI PAZIENTI CON DISABILITÀ (IV parte)

disabilità e odontoiatria - il blog del dottormic -

Pazienti normali, con diritti normali, con problemi speciali. Questi sono per N.O.I. i pazienti disabili. Prima di tutto c’è la comunicazione che ci serve per entrare in relazione. Si comunica direttamente con il paziente oppure si comincia con la persona che si occupa di quel paziente tutti i giorni. Per conoscere le abitudini, il modo di fare, i problemi, le paure, le aspettative. Per capire il grado di collaborazione, per decidere se possiamo essere utili e come possiamo esserlo. Dobbiamo capire se un paziente è collaborante, se può essere responsabile della sua salute oppure se non è del tutto collaborante e allora saremo noi a dover fare di più oppure dovremo capire se un paziente non è collaborante per nulla e allora dovremo essere in grado di formulare comunque una diagnosi e scrivere un piano di trattamento anche se poi non saremo noi a curarlo ma dovremo indicare i tempi e i luoghi migliori per far si che possa ricevere al meglio le cure di cui necessita. In generale comunque la cura odontoiatrica del paziente con disabilità prevede alcuni accorgimenti

IL DOTTORMIC DÀ I NUMERI

dottormic da i numeri - il blog del dotormic -

Qualche giorno fa, durante la Convention annuale dello Studio, ho dato i numeri! Non nel senso che il mio comportamento ha lasciato intendere una certa instabilità mentale, ma nel senso che ho elencato alcuni dei risultati più importanti che lo studio ha raggiunto nel 2019 esprimendoli sotto forma di numeri. Un buon metodo per aumentare la consapevolezza della mole di lavoro che tutti i giorni riusciamo ad eseguire e dell’impegno che tutti N.O.I. ci mettiamo. Mi sembra giusto che anche chi ci segue da tempo possa farsi un’idea di quello che facciamo in studio tutti i giorni ed è per questo che ho deciso di scriverli in questo articolo del blog. Nel 2019 lo studio Rossini Odontoiatri ha eseguito 23.859 terapie in 22.219 appuntamenti, un numero che oggi, ad inizio anno faccio davvero fatica ad immaginare. Abbiamo accolto per le prime visite 378 persone che hanno deciso dimettere la loro salute nelle nostre mani. Un grande onore per tutti noi! A tutti i pazienti che, giustamente, si sono lamentati della fatica fatta per prendere la linea e chiamare in studio

IL NATALE È COME IL MAL DI DENTI

natale e mal di denti - il blog del dottormic-

Il Natale è come il mal di denti…quando arriva, arriva. L’ultima settimana prima di Natale è, da sempre, una settimana particolare. Riceviamo come sempre tanti pazienti in studio, rispondiamo a tantissime chiamate e cerchiamo di risolvere i problemi di tutti. Con un pensiero in più: a Natale non si può e non si deve avere mal di denti. Perché si deve vivere più serenamente il periodo di festa, perché si deve sorridere e si deve mangiare in compagnia. E così succede che i lavori vanno tutti finiti per Natale, che ogni urgenza va risolta entro Natale, che tutto deve essere pronto, provato, collaudato e concluso per Natale. N.O.I. ce la mettiamo tutta. Non abbiamo orari, non ci risparmiamo, corriamo, ascoltiamo, risolviamo, andiamo in ritardo, ci arrabbiamo e facciamo anche un po’ arrabbiare ma lo facciamo con il massimo impegno e la massima serietà perché sappiamo che con il nostro lavoro possiamo evitare che qualche festeggiamento venga rovinato. Anche se il mondo non finirà, anche se saremo presenti in studio il 27 e poi altri giorni di dicembre e di gennaio

QUANTO NUOVO IN ARRIVO

2020 quanto nuovo - il blog del dottormic -

Un anno è finito…cominciano i progetti per il prossimo. Sono certo che molti di voi avranno notato la divisione che si trova sulla prima pagina del nostro sito www.rossiniodontoiatri.it dove è ben visibile la distinzione tra cosa lo studio può fare per i pazienti da 0-15 anni, per i pazienti adulti e per quelli non più giovani ma che non vogliono trascurare la loro salute anche della bocca. Vi racconto queste cose perché l’anno prossimo ci sarà una grossa novità! Lo studio si dividerà in due per poter servire ancora meglio i pazienti più piccoli e adolescenti con uno spazio interamente dedicato a loro. Un progetto importante che, siamo sicuri, trasformerà in modo ancora più moderno e utile lo studio, rispettando le esigenze dei pazienti e dando la possibilità di progettare la cura della propria salute in modo completo. E poi arriveranno dei nuovi dentisti, giovani e preparati, con tanta voglia di diventare protagonisti della salute di 1 Sorriso X Tutti E ancora nuove iniziative e progetti per rendere la cura della bocca sempre meno scontata e per darle tutta

E SE NON PARTECIPO AL BLACK FRIDAY?

Oggi, lavorando su uno dei computer dello studio nel reparto clinico, è comparsa una finestra che mi ricordava di comprare l’ultimo antivirus aggiornato. Fin qui tutto normale, il computer è collegato ad internet e le offerte fioccano, se non fosse per il fatto che la finestra in questione era nera e riportava la grafica e la dicitura del “famigerato” BLACK FRIDAY. Domanda: ma cos’è il Black Friday? Sono i saldi che hanno cambiato nome? Mi regalano qualcosa? È una sorta di 3X2? Perché è da settimane che ci sono offerte con questo nome quando, in teoria, dovrebbe essere un solo giorno? Ma soprattutto: se non partecipo al Black Friday commetto qualche ingiustizia o nefandezza? Si offende qualcuno? A parte gli scherzi, con la salute non c’è nulla da scherzare. Non esistono offerte per le nostre cure. La salute non è mai IN offerta ma è UN’ offerta per migliorare la qualità della nostra vita. Sfruttate pure questa opportunità di sconto per cambiare televisore, telefonino o per rifarvi il guardaroba e quello che avete risparmiato investitelo in salute o meglio in

LA CURA ODONTOIATRICA DEI PAZIENTI CON DISABILITÀ (II)

Nell’ultimo articolo legato a questo argomento ho spiegato come la disabilità renda più impegnativa la cura odontoiatrica.È statisticamente provato che i bisogni particolari di queste persone tendono a venire trascurati e di conseguenza le cure risultano purtroppo di qualità inferiore rispetto ai trattamenti ricevuti dalla popolazione generale. Sapere che esiste questo stato di fatto mi dà una sensazione non solo spiacevole ma anche di un non troppo sottile senso di fallimento della mia scelta di occuparmi della salute delle persone. Non mi piace e devo anzi voglio fare qualcosa. Per prima cosa vorrei dare un minimo di organizzazione chiarendo quali sono le situazioni in cui potremmo trovarci ad operare di fronte ad un paziente disabile fisico o mentale. Le modalità di trattamento odontoiatrico per i pazienti con disabilità sono: trattamento odontoiatrico convenzionale per i pazienti che collaborano trattamento odontoiatrico mediante l’ausilio della sedazione cosciente: ideale per i pazienti che presentano un ridotto livello di collaborazione o in cui sia necessario ridurre il livello di stress legato al trattamento odontoiatrico trattamento odontoiatrico mediante l’ausilio dell’anestesia generale: riservato ai pazienti con assenza totale di collaborazione o che presentano patologie sistemiche gravi. Dividere

LA CURA ODONTOIATRICA DEI PAZIENTI CON DISABILITÀ (I)

Nell’ultimo articolo ho parlato di persone disabili e di come, a mio parere, queste persone non debbano avere particolari diritti legati alla loro condizione ma debbano avere, e far valere, gli stessi diritti di tutte le altre persone. La differenza sta nel fatto che i disabili hanno molti più ostacoli nel far valere gli stessi diritti. C’è tanto lavoro da fare per smettere di considerali in modo particolare ma al contrario cominciare a considerarli come persone normali e aiutarli a superare ostacoli e barriere di vario genere. Era un discorso generale legato ad una mia esperienza di viaggio personale. Tuttavia, come spesso capita, questa esperienza mi ha fatto fare delle considerazioni direttamente legate al mio lavoro o meglio al lavoro che lo studio dentistico fa ogni giorno per la salute delle persone. Se quindi è vero che i disabili sono persone come tutte le altre è altrettanto vero che il loro accesso allo studio non è così normale come dovrebbe essere. Per prima cosa ho notato che, nonostante non abbiamo mai messo barriere sia fisiche che di altro genere, sono

AFFRONTARE LA DISABILITÀ

Quest’estate sono andato in vacanza, come tanti. Un periodo di riposo meritato che è incominciato dal viaggio di andata verso il mare. Anche questa volta, come già successo in passato, ho affrontato il viaggio insieme a persone care tra le quali una persona disabile al 100%. Come dicevo, non è la prima volta. Affrontare un viaggio in auto, poi in nave e alla fine ancora in auto non è cosa semplice; se lo si affronta con un bambino di 18 mesi e con una persona in carrozzina le cose possono diventate decisamente complesse soprattutto se le persone che dovrebbero aiutare ad abbattere i problemi legati a questa condizione non comprendono la situazione o non sono preparate ad affrontarla. E così ti ritrovi in coda, imbottigliato tra decine di auto sotto il sole per ore solo perché un addetto non vuole rovinare la loro perfetta disposizione sul piazzale e non può concedere quei 50 centimetri che potrebbero permettere alla persona disabile di scendere. Chiaramente tu fai presente che hai a bordo una persona disabile al 100% (e mi chiedo se non

Guardiamoci negli occhi

Siamo capaci di guardare negli occhi i nostri pazienti? Oppure ci precipitiamo direttamente all’interno della loro bocca? Chi ho davanti ha un bisogno percepito altrimenti non sarebbe qui; ha una sofferenza che può essere prevalentemente clinica o prevalentemente psicologica o strettamente connessa all’esercizio del proprio lavoro. In ogni caso si aspetta che io risolva il suo problema o che quantomeno comprenda e trovi una soluzione. La persona che ho davanti a me sa che dovrà spendere dei soldi ed è disponibile a farlo purché sufficientemente motivata con un linguaggio chiaro e comprensibile e a fronte di un costo complessivo sostenibile. Chi ho davanti è venuto da me di sua spontanea volontà e vuole, anche inconsciamente, affidarsi alle mie capacità professionali. La persona che ho davanti a me è disposta a mettere nelle mie mani, perché sono un operatore della salute e perché il mio status di medico glielo garantisce a priori, il bene più grande che ha e che sente: la sua salute e/o la sua immagine. Quello che spesso manca è la capacità di capire i nostri pazienti e

Ma che fortuna abbiamo N.O.I.

fortuna abbiamo noi - il blog del dottormic -

È iniziato il campionato di calcio. Per molti una vera sfortuna da evitare, per molti altri una grande passione. Per me, un modo per passare una mezza giornata con mio papà e mio figlio insieme allo stadio a tifare per la stessa squadra per cui tifava mio padre 50 anni fa. Quest’anno però, dopo l’ennesimo cambio di allenatore, di dirigenza, di preparatore atletico, di manager, di svariati giocatori la squadra fa fatica a decollare. Ci sono le idee ma non sono ancora amalgamate in uno stile di gioco unico. I risultati si vedono. Ho pensato che per la maggior parte delle squadre sia così. Ogni anno, o quasi, si cambia un po’ tutto, si ricomincia cercando di costruire una squadra che possa raggiungere gli obbiettivi minimi che appunto vengono denominati obbiettivi di stagione. Allora ho pensato che anche io in studio ho una squadra e, ovviamente, abbiamo degli obbiettivi che vogliamo raggiungere. È pur vero che anche a N.O.I. ogni tanto capita di dover cambiare qualcosa. Succede che qualcuno se ne vada e arrivi qualcun altro, magari per un periodo