Categoria: 1sxt

Guardiamoci negli occhi

Siamo capaci di guardare negli occhi i nostri pazienti? Oppure ci precipitiamo direttamente all’interno della loro bocca? Chi ho davanti ha un bisogno percepito altrimenti non sarebbe qui; ha una sofferenza che può essere prevalentemente clinica o prevalentemente psicologica o strettamente connessa all’esercizio del proprio lavoro. In ogni caso si aspetta che io risolva il suo problema o che quantomeno comprenda e trovi una soluzione. La persona che ho davanti a me sa che dovrà spendere dei soldi ed è disponibile a farlo purché sufficientemente motivata con un linguaggio chiaro e comprensibile e a fronte di un costo complessivo sostenibile. Chi ho davanti è venuto da me di sua spontanea volontà e vuole, anche inconsciamente, affidarsi alle mie capacità professionali. La persona che ho davanti a me è disposta a mettere nelle mie mani, perché sono un operatore della salute e perché il mio status di medico glielo garantisce a priori, il bene più grande che ha e che sente: la sua salute e/o la sua immagine. Quello che spesso manca è la capacità di capire i nostri pazienti e

Ma che fortuna abbiamo N.O.I.

fortuna abbiamo noi - il blog del dottormic -

È iniziato il campionato di calcio. Per molti una vera sfortuna da evitare, per molti altri una grande passione. Per me, un modo per passare una mezza giornata con mio papà e mio figlio insieme allo stadio a tifare per la stessa squadra per cui tifava mio padre 50 anni fa. Quest’anno però, dopo l’ennesimo cambio di allenatore, di dirigenza, di preparatore atletico, di manager, di svariati giocatori la squadra fa fatica a decollare. Ci sono le idee ma non sono ancora amalgamate in uno stile di gioco unico. I risultati si vedono. Ho pensato che per la maggior parte delle squadre sia così. Ogni anno, o quasi, si cambia un po’ tutto, si ricomincia cercando di costruire una squadra che possa raggiungere gli obbiettivi minimi che appunto vengono denominati obbiettivi di stagione. Allora ho pensato che anche io in studio ho una squadra e, ovviamente, abbiamo degli obbiettivi che vogliamo raggiungere. È pur vero che anche a N.O.I. ogni tanto capita di dover cambiare qualcosa. Succede che qualcuno se ne vada e arrivi qualcun altro, magari per un periodo

DIMENTICATOIO

dimenticatoio - il blog del dottormic -

Ogni tanto basta una semplice espressione a far nascere una riflessione più complessa. Al ritorno dalle vacanze ho assistito ad una conversazione tra una madre e un figlio sul fatto che la voglia di studiare fosse, durante l’estate, finita nel dimenticatoio. Sarà perché in quel momento stavo aspettando le istruzioni di sbarco dalla nave e non avevo nulla di meglio da fare ma mi sono trovato a pensare se potesse esistere veramente un luogo dove vengono conservate tutte le cose che ci dimentichiamo. Sembra un luogo dedicato apposta, che è stato creato per una funzione. Perché quello che ci dimentichiamo deve finire in un luogo preciso? Serve per poi andare a riprendere e ritrovare qualcosa o serve solo per rammentare che ci siamo dimenticati? E poi, se mi dimentico di pagare una bolletta non c’è nessuno che me la paga nel dimenticatoio, se lascio da qualche parte le chiavi non le troverò certo nel dimenticatoio. Questo perché il dimenticatoio non è un luogo fisico, reale ma un luogo ideale dove più spesso vanno a finire i progetti, i propositi, le

L’AUTONOMIA DI PENSIERO

autonomia di pensiero - il blog del dottormic-

Concludo con questo articolo le nostre conversazioni sugli strumenti per affrontare il percorso per migliorare la propria salute. Il terzo potente strumento per imparare a pensare con la propria testa è: l’AUTONOMIA DI PENSIERO. “Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui offuschi la vostra voce interiore”. Questa è una frase tratta da un discorso tenuto da Steve Jobs alla Stanford University. Avere autonomia di pensiero significa innanzitutto non lasciarci assordare da tutto ciò che ci circonda. Siamo nell’epoca della comunicazione. Veniamo bersagliati, che lo vogliamo o no, in modo consapevole o inconsapevole da migliaia di messaggi e nuove informazioni ogni giorno. Questo rumore di fondo, continuo e a volte assordante ha il suo effetto negativo principale nella capacità di coprire la voce interiore della nostra consapevolezza. La consapevolezza di quello che siamo e dei nostri bisogni reali. Il pensiero è lo strumento con cui progettiamo e costruiamo la nostra vita. In questa situazione è meglio che il pensiero sia autonomo e non condizionato. Come si favorisce l’autonomia di pensiero? Un consiglio utile può essere quello di provare ad ascoltare

LO SCETTICISMO

lo scetticismo - il blog del dottormic-

Il Dubbio, lo Scetticismo, l’Autonomia di pensiero sono tre strumenti fondamentali per affrontare la incredibile mole di informazioni che riceviamo nella nostra vita quotidiana. …anche dal dentista. …anche per la nostra salute. La volta scorsa abbiamo conosciuto il primo strumento “anti gregge” per continuare a pensare e vivere con la propria testa. Oggi vedremo il secondo: Lo SCETTICISMO. Lo scettico è colui che non presta fede ingenuamente, è colui che non se la beve. Lo scettico che usa questo strumento in modo utile è quello che rimane scettico ma solo fino a prova contraria. Non crede a tutto, non crede solo perché si trova davanti ad una persona con un camice e con lo status di medico. Crede solo se viene persuaso a credere da argomenti concreti e seri. Non c’entra il prezzo perché lo scettico sa che ad un prezzo troppo basso non avrà la sicurezza della qualità che desidera. Quando incontro uno scettico so che dovrò impegnarmi di più, so che dovrò spendere un po’ più di tempo. Ma so anche che se riuscirò a gestire tutte le sue

IL DUBBIO

il dubbio - il blog del dottormic -

Il Dubbio, lo Scetticismo, l’Autonomia di pensiero sono tre strumenti fondamentali per affrontare la incredibile mole di informazioni che riceviamo nella nostra vita quotidiana… …anche dal dentista. …anche per la nostra salute. Rimanere neutrali e impermeabili alle sirene del web è quasi impossibile per quasi chiunque, anche quelli che dicono di non lasciarsi influenzare. Possiamo usare un trucco: dare per scontato che, se qualcosa non ci piace, sarà interessante scoprire perché e se qualcosa ci piace sarà interessante immaginare che sia sbagliato. Possiamo partire dal primo strumento: il DUBBIO. Nel dubbio siamo indecisi. Non sappiamo cosa scegliere, chi scegliere. Magari abbiamo scelto un dentista che ci parla, ci spiega tante cose, sembra sincero, competente ma a noi rimane il dubbio appunto. Il dubbio è vago e necessita di domande e chiarimenti per essere fugato. Abbiamo due strumenti per toglierci il dubbio dalla testa. Con il primo strumento possiamo fare domande. Tutte le domande che ci vengono in mente (ricordiamoci che nessuna domanda è stupida) e dobbiamo pretendere delle risposte che ci convincano o meglio che ci persuadano a vedere le cose come

LE CURE FAI DA TE

le cure fai da te- il blog del dottormic-

Un conto è la convenienza…un conto è la salute. Quando ho iniziato a lavorare come dentista, ormai 20 anni fa, l’opinione diffusa riguardava ancora il fatto che i dentisti fossero cari, anzi carissimi. Più volte, non ho alcun timore a scriverlo, ho sentito associare la parola “ladro” a quella di dentista. Oggi quella opinione si è molto stemperata nella marea di proposte che il mercato offre. Non mi piaceva quando eravamo definiti ladri, non mi piace oggi quando veniamo percepiti come un qualsiasi negozio che fa offerte da 75% di sconto e mi piace ancora di meno quando le persone pensano che per curare la loro bocca possono anche fare a meno del dentista dal momento che la tecnologia consente l’utilizzo di cure fai da te. La salute non è un costo che possiamo ridurre all’offerta più conveniente. La salute è un valore che dobbiamo percepire e riconoscere come tale. E il valore non può essere scontato e non può essere offerto su internet con un semplice clic. Le ultime novità tecnologiche che vengono da oltreoceano (e da dove se

MA POSSIBILE CHE DEVO PARLARE ANCORA DI CARIE?

ancora carie - il blog del dottormic -

Sì lo devo fare. Lo devo fare fino a quando vedrò questo tipo di malattia nella mia pratica quotidiana. Perché ci sono ancora due certezze nel mio lavoro. La prima è che la carie è una malattia. Non è un buco in un dente che può essere riparato come un semplice danno ma è una malattia sostenuta da batteri che, in condizioni favorevoli (favorevoli per i batteri ma molto sfavorevoli per la persona ammalata), distruggono lo smalto del dente, penetrano nello stesso causando colore fino alla potenziale perdita. La seconda certezza deriva dal fatto che è una malattia ancora molto presente nella popolazione e, cosa ancora più grave, è presente nella bocca di pazienti giovani e giovanissimi. La carie si può curare, ormai lo sanno anche i muri. Ma questo non basta o meglio non è il punto fondamentale. Tutti sono capaci di curare una carie una volta che si è formata. Alla fine si tratta di pulire bene il buco nel dente e riempirlo con un materiale che avrà le sembianze del dente intatto. Il punto però è che

PRIMA DELLA CARIE – parte 2

demineralizzato - il blog del dottormic -

L’ipomineralizzazione dello smalto è una malattia generalmente causata da un pH uguale o inferiore a 5.5. A questo valore di acidità inizia il fenomeno della dissoluzione dell’idrossiapatite che è il costituente essenziale dello smalto. Durante il processo lo smalto viene intaccato dagli acidi forti presenti negli alimenti, o anche dall’azione dei batteri della placca presenti nel cavo orale che si nutrono dei residui di cibo e di zuccheri, specie quelli raffinati derivati per esempio dai residui di carboidrati. Nella forma più grave, che colpisce soprattutto i bambini, la demineralizzazione dello smalto si chiama Molar Incisor Hypomineralization (MIH), in italiano “ipomineralizzazione” ed è una patologia dentaria spesso sottovalutata. Invece, i denti a macchie sono diffusi in tutto il mondo e colpiscono di solito i bambini, con una media dal 3% al 25%. Non molti sanno quali sono i rischi connessi a questa malattia. Se non diagnosticata con tempestività, può portare alla frattura dello smalto dei denti. I denti ipomineralizzati, se non curati, si presentano con macchie bianco-giallastre o marroni, sono sensibili al caldo e al freddo, durante la masticazione e le

PRIMA DELLA CARIE

demineralizzato - il blog del dottormic -

Oggi parliamo di carie. Ne abbiamo già parlato in passato e questa volta vorrei affrontare il tema da un punto di vista un po’ differente. Oggi parliamo della situazione che precede la carie. In questo caso viene colpito solo lo smalto, senza provocare una cavità: si tratta di una situazione del tutto particolare detta “lesione iniziale dello smalto”, che non è carie vera e propria in quanto non è presente la perdita di tessuto dentale. Questa situazione è reversibile e significa che si può guarire senza lasciare traccia di ciò che è avvenuto. La lesione dello smalto è caratterizzata dalla perdita di sostanza inorganica cioè di smalto sotto la superficie dello smalto stesso. In altri termini lo smalto superficiale appare intatto mentre al disotto si ha perdita di materiale cristallino. Si può notare, quando visibile, un aspetto bianco-gessoso dello smalto da cui il nome di “white spot” o “macchia bianca” la cui peculiarità consiste nel presentarsi delle aree o strisce ben circoscritte dal colore bianco latte. Oltre al problema clinico c’è quindi anche un problema estetico ed è proprio questo