Categoria: Progetti

PRIMA DELLA CARIE – parte 2

demineralizzato - il blog del dottormic -

L’ipomineralizzazione dello smalto è una malattia generalmente causata da un pH uguale o inferiore a 5.5. A questo valore di acidità inizia il fenomeno della dissoluzione dell’idrossiapatite che è il costituente essenziale dello smalto. Durante il processo lo smalto viene intaccato dagli acidi forti presenti negli alimenti, o anche dall’azione dei batteri della placca presenti nel cavo orale che si nutrono dei residui di cibo e di zuccheri, specie quelli raffinati derivati per esempio dai residui di carboidrati. Nella forma più grave, che colpisce soprattutto i bambini, la demineralizzazione dello smalto si chiama Molar Incisor Hypomineralization (MIH), in italiano “ipomineralizzazione” ed è una patologia dentaria spesso sottovalutata. Invece, i denti a macchie sono diffusi in tutto il mondo e colpiscono di solito i bambini, con una media dal 3% al 25%. Non molti sanno quali sono i rischi connessi a questa malattia. Se non diagnosticata con tempestività, può portare alla frattura dello smalto dei denti. I denti ipomineralizzati, se non curati, si presentano con macchie bianco-giallastre o marroni, sono sensibili al caldo e al freddo, durante la masticazione e le

Plastic Challenge

plastic challenge - il blog del dottormic-

È arrivato il momento del Plastic Challenge! È stato il dottor Matteo a scatenare tutto. Ha cominciato a parlare della possibilità di eliminare la plastica da alcune procedure di studio e ha scoperto che una delle maggiori fonti di produzione di questo materiale era costituita, udite, udite, dai bicchierini del caffè usati in abbondanza durante le pause in studio. Sembra incredibile ma è stato calcolato un utilizzo annuale di migliaia di questi bicchierini che, inevitabilmente, andrebbero ad ingrossare la mole di materiale che ogni giorno deve essere trattata e smaltita. Sappiamo bene che la plastica non si può distruggere ma si può solo trasformare in qualcosa di differente e comunque potenzialmente inquinante. Grazie a queste premesse è stato preso l’impegno di ridurre l’utilizzo dei famigerati bicchierini durante la giornata in favore di più ecologiche tazzine in altro materiale riutilizzabile. Questo è un piccolo passo utile ma è solo il primo piccolo passo al quale abbiamo subito deciso di farne seguire altri. L’iniziativa più importante in questo senso è costituita dalla decisione di farci aiutare da tutti istituendo il Plastic Challenge

Corriamo a Leggere

corriamo a leggere - il blog del dottormic -

Domenica 7 aprile sarà la giornata in cui si correrà la Maratona di Milano, una gara importante che permette a corridori professionisti di misurarsi tra loro, a corridori amatoriali di misurarsi con se stessi e a squadre di corridori (della domenica ma non solo) di stare insieme e di condividere momenti importanti. Noi in studio abbiamo deciso di partecipare per il secondo anno di fila e di condividere questa giornata con una associazione che, come molti sanno, abbiamo imparato a conoscere molto bene. Genitori si diventa partecipa alla maratona con 11 staffette composte da genitori adottivi e amici con l’iniziativa Corriamo a Leggere un progetto per creare uno spazio dedicato alla lettura e per comprare libri adeguati ai bambini e per favorire lo sviluppo di competenze cognitive e sociali. Lo spazio sarà creato e gestito nello spirito del book sharing sperimentato con successo in molti paesi. È una iniziativa importante che noi in studio sosteniamo e in cui crediamo. Abbiamo iscritto una nostra squadra alla gara, la squadra di 1SorrisoXTutti formata da quattro persone che lo studio conosce bene. Ci

Oggi vorrei parlare del fluoro

il fluoro- il blog del dottormic-

Il fluoro è un elemento naturale, presente sulla terra. Ci sono luoghi in cui è più abbondante e in quelle regioni le acque sono naturalmente ricche di questa sostanza. Spesso parliamo con i nostri pazienti dell’importanza del fluoro e oggi vorrei mettere in evidenza il ruolo che ha avuto nella storia della carie per l’intera umanità. Dovete sapere che la carie è stata una malattia praticamente sconosciuta fino alla metà del diciottesimo secolo. La mummia di Similaun, l’uomo dei ghiacci ritrovato praticamente intatto alcuni anni or sono, presentava una dentatura priva di carie. Le ricerche epidemiologiche in epoche più recenti hanno dimostrato come questa malattia fosse praticamente inesistente fino a quando nella dieta di tutti i giorni sono stati introdotti stabilmente gli zuccheri. Questa situazione, avvenuta dopo la metà del 1800, ha portato in pochi anni alla diffusione pandemica della carie nella popolazione umana con una crescita rapida e immensa e che non ha visto rallentamenti fino a quando, verso la fine del secolo scorso, non è stata scoperta l’importanza del fluoro per la protezione dello smalto dagli attacchi dei

Insistere e Desistere

insisteredesistere-ilblogdeldottormic-

Pensiamo spesso al fatto che arrivano in studio, ogni giorno, pazienti nuovi ai quali è necessario spiegare la nostra filosofia di cura. Presentiamo i nostri percorsi relativi alla prevenzione e all’importanza della programmazione per la salute della bocca e non solo. Ci permettiamo di insistere su questo argomento convinti di lavorare per migliorare la qualità della vita dei nostri pazienti. Il rischio a volte può essere quello di trascurare chi è già pazienti da anni, dando per scontato che perseguano lo scopo della salute in modo continuato e senza indecisioni. Questo può essere un grosso errore. Se è vero che ci permettiamo di insistere non dobbiamo permettere che ci sia chi pensa di desistere. Queste due parole sono sorelle, una il contrario dell’altra. Dove insistere significa ribadire la necessità di perseverare, al contrario desistere potrebbe essere un fermarsi che porta il segno della rinuncia. Percepisco chiaramente a volte nei trattamenti complessi o nelle situazioni in cui la cura si protrae per lungo tempo il pericolo dell’allentamento di tensione, dell’abbandono dei propositi, a volte con sollievo, anche quando viene fatto a

Goodbye 2018

goodbye2018-il blog del dottormic-

E così siamo arrivati alla fine del 2018. Tempo di bilanci e di considerazioni su ciò che è stato fatto. Come sempre quest’anno abbiamo introdotto in studio tanta tecnologia in modo da avere sempre a disposizione tutti gli strumenti per svolgere al meglio il nostro lavoro. Abbiamo adottato nuovi sistemi per lo sbiancamento professionale per venire incontro alle esigenze estetiche di tutti i pazienti. Tutti gli igienisti e alcuni dottori hanno partecipato a corsi di aggiornamento sulle ultime terapie laser assistite; possiamo quindi curare meglio tutte le situazioni che presentano infiammazione all’interno della bocca con soluzioni innovative e sempre più confortevoli. Da quest’anno poi abbiamo cambiato il modo di fare le otturazioni dei denti. Con specifici macchinari possiamo costruire otturazioni in modo più affidabile e duraturo ma soprattutto più conservativo e rispettoso della struttura dei denti. Applichiamo apparecchi ortodontici sempre più invisibili e affidabili con risultati certi che rispecchiano le richieste dei pazienti più giovani e dei pazienti adulti. C’è stato poi un grosso cambiamento per quello che riguarda la privacy di ognuno di noi grazie all’introduzione della nuova legge

Accompagnare è volersi bene – parte 1

accompagnare è volersi bene - il blog del dottorimic-

Gli studi ci dicono che almeno un milione di anziani in Italia si nutre poco e male rischiando una vera e propria malnutrizione. Sicuramente alcuni problemi riguardano l’aspetto economico e purtroppo, per questo aspetto, N.O.I. possiamo fare poco. Al contrario sappiamo che sono veramente molti gli over 65 che hanno problemi orali trascurati che incidono pesantemente sulla possibilità di alimentarsi in modo corretto. Due milioni di anziani hanno problemi di masticazione e ben otto milioni non si sono fatti visitare dal dentista nell’ultimo anno. A questo aspetto si deve aggiungere il fatto molto importante che anche solo un mese di dieta povera per un anziano, aumenta del 25% la probabilità di ricovero in ospedale e accresce la mortalità. Di fronte a questi dati è impossibile rimanere indifferenti e così ho pensato che la nostra iniziativa Vogliamoci bene potesse venire in aiuto a questa situazione. Chi ci ha seguito sul blog e su internet, per qualche mese, ha letto di come la salute passi dalla consapevolezza di volersi bene e dalla volontà di agire in maniera corretta per migliorare costantemente la

TEMPESTIVO

tempestivo - ilblog del dottormic -

Quando parliamo di intervenire per la salute dei nostri pazienti consideriamo sempre sottinteso il fatto che il nostro intervento dovrà essere tempestivo. Il nostro intervento deve avvenire, deve essere eseguito al momento opportuno, al momento giusto, precoce. Tempestivo è un termine derivato dal latino e già in latino era ciò che arriva, accaduto o fatto, al momento opportuno. Intendiamo quindi agire al momento maturo con una prontezza tale da essere quasi in anticipo. Nel tempestivo c’è la misura di premonizione di chi sta pronto o si muove prima per arrivare nel momento migliore. E così quando si tratta con la malattia, essere tempestivi significa muoversi prima possibile. N.O.I. vogliamo essere ancora più pronti e vogliamo giocare in anticipo. In questo senso sta il significato della prevenzione. Ci si muove a fare qualcosa con tale anticipo da evitare che quella cosa si verifichi. Ormai abbiamo accumulato delle conoscenze tali da sapere quali sono le condizioni che possono causare un problema; se le conosciamo allora possiamo anche agire con anticipo tale da evitare che il problema si verifichi del tutto. E possiamo

COERENZA

coerenza - il blog del dottormic -

Coerenza, questo ci chiedono i nostri pazienti. Dobbiamo credere in quello che facciamo. Faccio quello che dico e dico quello che faccio. A volte si pensa che essere coerente significhi fare sempre bene le cose. Non è così semplice. Essere coerente significa pensare e progettare tante azioni per migliorare la qualità del proprio lavoro e per riuscire a modificare la qualità della vita delle persone che frequentano lo studio. Significa poi farle sempre bene anche nella realtà? La risposta è no, non possiamo garantire che riusciremo a fare tutto quello che ci siamo proposti così come non possiamo garantire che non sbaglieremo mai ma possiamo promettere di dare il meglio per portare a termine i nostri obiettivi. Sappiamo cosa fare per mantenere in salute le persone e facciamo del nostro meglio per farlo. La coerenza in questo caso sta nel cercare sempre di dare il massimo per fare ciò in cui si crede. Quando abbiamo iniziato a portare avanti il progetto di 1SorrisoXTutti è stato proprio per avere qualcosa in cui credere e per avere la possibilità di dare il

N.O.I. vi vogliamo bene

noi vi vogliamo bene - il blog del dottormic -

La prima regola per cominciare a volerci bene è una regola un po’ contro intuitiva ma importantissima. Significa che per cominciare a volerci bene non dobbiamo per forza fare delle cose che non abbiamo mai fatto ma dovremmo smettere di fare delle cose che ci fanno male e che facciamo tutti i giorni. Per capire come individuare gli atteggiamenti sbagliati, per prima cosa dovremmo iniziare a stendere una lista dei comportamenti che potrebbero danneggiare la salute della nostra bocca. Sappiamo tutti che mangiare i dolci e non lavarsi i denti fa male, sappiamo che spazzolare con troppa forza rovina i denti, sappiamo anche che fumare rovina i denti ed è molto dannoso per le gengive, sicuramente ci hanno detto che non bisogna evitare di utilizzare il filo interdentale, e sappiamo che le bevande gassate indeboliscono lo smalto così come non andare regolarmente dal dentista potrebbe essere un problema. Ognuno potrebbe stendere la sua lista personale di comportamenti che rovinano i denti e la salute della bocca. Fatta la lista potremmo cercare, trovare (molto probabile) e cerchiare i comportamenti dannosi che