Rimandare non ha senso

rimandare non ha senso - ilo blog del dottormic-

In questo periodo una frase che sentiamo molto spesso è: “Vorrei rimandare l’inizio del lavoro perché sto aspettando di vaccinarmi e sono un po’ preoccupato…”

Molti pazienti stanno procrastinando l’inizio dei lavori in attesa dell’appuntamento per ricevere la dose di vaccino prevista. Una preoccupazione giustificata, ma inutile.
Alcune persone soffrono di qualche sintomo para influenzale dopo la vaccinazione mentre altre non se ne accorgono nemmeno.
Allo stesso tempo tutte le nostre cure non hanno alcuna interferenza con l’azione o la sicurezza del vaccino per cui le preoccupazioni che sono assolutamente giustificate non sono tuttavia basate su qualcosa di concreto e reale.

Come dico sempre, dobbiamo distinguere tra due stati d’animo differenti: da una parte la paura e il panico che ci creano ansia, ci bloccano e ci fanno fare scelte sbagliate, dall’altra parte la preoccupazione che ci aiuta a rimanere focalizzati su ciò che possiamo fare di buono per la nostra salute.

Vorrei che tutti fossimo meno impauriti e nel panico di fronte al vaccino e più preoccupati di fare le cose per bene. Non è giustificato rimandare l’inizio di un lavoro complesso per la nostra salute o rimandare una seduta di igiene così importante per rimanere sempre sani di fronte alla prospettiva di ricevere un vaccino. Le due cose non hanno nulla a che vedere l’una con l’altra.

Sicuramente potremmo evitare sedute complesse e impegnative nei giorni immediatamente successivi alla vaccinazione per non dare ulteriore fastidio qualora si manifestassero quei sintomi simil influenzali di cui parlavamo prima. Tuttavia, per tutte le altre situazioni, si può tranquillamente andare dal dentista e fare il vaccino allo stesso tempo senza avere problemi con nessuno dei due.

Mi dispiacerebbe molto infatti dover aggiungere cure o dover cambiare i piani di cura per il fatto di avere aspettato troppo a iniziare i trattamenti.
Sapete bene che la carie, anche se piccola, ha un solo destino e che è quello di diventare più grande e invasiva e questo vale per tante altre problematiche.

L’invito di oggi è quello di essere responsabili e preoccupati di fare le cose per bene e soprattutto non prendiamo la vaccinazione come scusa per non vedere il dentista che sarà anche antipatico e fastidioso ma lavora sempre per la vostra salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.