TUTTO È COLLEGATO

tutto è collegato - il blog del dottormic -

Ieri mia mamma aveva un dolore al petto, niente di grave. Dopo alcuni accertamenti si è scoperto che molto probabilmente, è un dolore muscolare dovuto a postura sbagliata mantenuta per troppo tempo a causa di un colpo ricevuto alle ginocchia. La racconto in modo forse un po’ troppo semplice ma è così.

Tutto è collegato e non possiamo evitare di prendere in considerazione questo fatto.

Una buona masticazione e un’ottima stabilità dei denti all’interno della bocca contribuiscono a mantenere il corretto assetto della mandibola così come permettono ai muscoli di lavorare nelle migliori condizioni. Un problema di masticazione o di mancanza di denti o di errata posizione di lavoro della mandibola, in questo caso, potrebbe portare ad una serie di problemi in regioni più lontane rispetto alla bocca di cui ci occupiamo ogni giorno.

Questo non significa che un problema alla bocca abbia come conseguenza diretta un problema di postura alla schiena o in altri posti ma significa che, essendo tutto collegato anatomicamente e funzionalmente, se vogliamo risolvere un problema nella sua globalità non possiamo non affrontare anche i problemi all’interno della bocca.

Un lavoro questo che coinvolge sicuramente più professionisti a partire dal dentista, dall’osteopata, dal fisioterapista e tanti altre figure che possono aiutare a ristabilire l’equilibrio perduto.

Prendiamo molto seriamente il benessere di ogni persona e sappiamo che il nostro lavoro non può essere un lavoro completo se ci dedichiamo solo all’interno della bocca senza essere consapevoli che quella bocca è inserita in un corpo e deve funzionare in armonia con esso.

Abbiamo deciso di introdurre una serie di visite e strumenti tecnologici molto accurati e interessanti che ci permetteranno di analizzare al meglio i problemi muscolari legati alla masticazione e proporre soluzioni e cure sempre più utili. Strumenti nuovi moderni che ci aiuteranno a comunicare al meglio con i pazienti in un campo molto delicato e a volte poco conosciuto.

Come sempre perché “comunicare è come curare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.