LA CURA ODONTOIATRICA DEI PAZIENTI CON DISABILITÀ (V parte)

disabilità e odontoiatria - il blog del dottormic -

Ma quali sono i principali problemi ai quali un paziente disabile può andare incontro?

La ridotta autonomia nelle manovre di igiene orale domiciliare, tipica della maggioranza delle patologie psico-fisiche, può determinare la formazione di:

  • lesioni cariose, gengiviti, parodontiti, spesso causate dall’accumulo di placca e tartaro. 
  • ulteriori problematiche dei tessuti molli possono derivare direttamente da alterazioni ematologiche, da specifiche terapie farmacologiche (tipiche dei pazienti trapiantati o affetti da epilessia), o da lesioni da traumi-autoindotti (frequenti nei pazienti affetti da gravi ritardi cognitivi)
  • le problematiche dentarie comprendono la presenza di abrasioni o usure dentarie dovute a parafunzioni (digrignamento e serramento) caratteristiche dei casi di paralisi cerebrali o di anomalie cromosomiche
  • ci può anche essere la presenza di anomalie di forma o di numero degli elementi dentari, frequentemente associate a patologie congenite e a malocclusioni
     

In conclusione, i pazienti con disabilità richiedono un aiuto speciale per poter collaborare con il dentista. Per alcuni è sufficiente conoscerlo e aver sviluppato nel tempo un livello di fiducia sufficiente a prevedere che non si proverà dolore, ma in altri casi, per esempio se il paziente necessita di un trattamento impegnativo, l’alternativa anestesiologica, si tratti di sedazione cosciente o di narcosi, è la più indicata.

Ricordiamoci che l’invecchiamento progressivo della popolazione porterà nel tempo ad avere sempre più pazienti che sviluppano disabilità fisiche e psichiche. Non possiamo fare finta di nulla, dobbiamo impegnarci di più perché la salute sia un diritto di tutte le persone. Un Sorriso Per Tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.