Un viaggio…paziente.

un viaggio paziente - il blog del dottormic -

A proposito dei viaggi che faremo durante le vacanze…

Quando affrontiamo un percorso a fianco di un paziente, è come se affrontassimo un vero e proprio viaggio insieme a lui. Un viaggio verso un luogo dove N.O.I. siamo già stati e dove sappiamo i benefici che si possono acquisire e i vantaggi che si possono godere. Insomma conosciamo già il panorama. Se ci siamo già stati, vogliamo e non vediamo l’ora di poter accompagnare il nostro paziente e per farlo abbiamo bisogno di tutta l’energia necessaria.

Dobbiamo portare con noi uno zaino carico di strumenti e capacità davvero notevoli altrimenti non saremo in grado di seguire il sentiero fino alla meta desiderata. Ci serve la forza per mantenere la concentrazione, per riuscire a non andare o farsi trascinare fuori strada. La forza che si esprime anche con la determinazione a raggiungere insieme un obiettivo.

Poi ci serve un po’ di compassione o meglio di delicatezza, disponibilità e gentilezza. Queste caratteristiche ci permettono di entrare in relazione con gli altri e di avere l’integrità necessaria per dare e ricevere efficacemente il supporto necessario a crescere.

Infine ci serve tanto senso dell’umorismo, dobbiamo essere giocosi, flessibili, creativi.
Usiamo il senso dell’umorismo per evitare che la forza che ci serve si trasformi in aggressività oppure per evitare che la compassione si converta in debolezza e dipendenza. Il senso dell’umorismo ci permette di sdrammatizzare e trovare nuove prospettive esprimendo creatività e flessibilità. Il senso dell’umorismo ha, a sua volta, bisogno della forza e della compassione per non diventare cinismo e inganno.

Abbiamo tutti questi attrezzi per il viaggio? Se la risposta è sì…partiamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.