IL DUBBIO

il dubbio - il blog del dottormic -

Il Dubbio, lo Scetticismo, l’Autonomia di pensiero sono tre strumenti fondamentali per affrontare la incredibile mole di informazioni che riceviamo nella nostra vita quotidiana…
…anche dal dentista.
…anche per la nostra salute.
Rimanere neutrali e impermeabili alle sirene del web è quasi impossibile per quasi chiunque, anche quelli che dicono di non lasciarsi influenzare.
Possiamo usare un trucco: dare per scontato che, se qualcosa non ci piace, sarà interessante scoprire perché e se qualcosa ci piace sarà interessante immaginare che sia sbagliato.

Possiamo partire dal primo strumento: il DUBBIO.
Nel dubbio siamo indecisi. Non sappiamo cosa scegliere, chi scegliere. Magari abbiamo scelto un dentista che ci parla, ci spiega tante cose, sembra sincero, competente ma a noi rimane il dubbio appunto. Il dubbio è vago e necessita di domande e chiarimenti per essere fugato.

Abbiamo due strumenti per toglierci il dubbio dalla testa.

Con il primo strumento possiamo fare domande. Tutte le domande che ci vengono in mente (ricordiamoci che nessuna domanda è stupida) e dobbiamo pretendere delle risposte che ci convincano o meglio che ci persuadano a vedere le cose come le vede la persona che abbiamo davanti. Se così fosse scopriremmo che il dubbio scompare e, se non scompare del tutto, viene superato dalla fiducia che sta nascendo. Attenzione però: il dubbio non va nascosto o sotterrato sotto frasi che non ci convincono del tutto. Il dubbio non può essere lasciato li a sedimentare e crescere. Deve essere affrontato e allontanato. Non è una cosa cattiva il dubbio in sé, anzi è utile. A volte è utile persino dubitare di sé stessi e dei propri comportamenti o delle proprie convinzioni.
Non è il dubbio che non va bene ma è il tenersi dentro dei dubbi che non va bene. Dubitate di tutto e di più e chiedete tutto il possibile per smettere di dubitare. Fugare tutti i dubbi è uno strumento importantissimo per affrontare un percorso di cura con serenità e profitto.

C’è un altro strumento che ci può aiutare a superare un dubbio. Ne abbiamo già parlato altre volte. Possiamo chiedere un secondo parere. Possiamo cercare qualcuno che ci faccia vedere le cose da un altro punto di vista. Non per sconfessare il primo dentista, per trovare delle negligenze o delle mancanze ma per capire meglio grazie al confronto. Basta fare attenzione a non cadere nella trappola di chiedere poi un terzo, un quarto, un quinto parere e così via. Un percorso di questo tipo aumenterà i dubbi e ci farà perdere un sacco di tempo. Col secondo parere decideremo chi ci ha ispirato fiducia maggiore e sicuramente ne trarrà giovamento la nostra salute.

Nel prossimo articolo vedremo gli altri due strumenti. Alla prossima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.