Lode alla buona volontà

elogio alla buona volontà - il blog del dottormic -

Quest’anno, specialmente con i pazienti più piccoli, ci siamo presi il compito di lodare la loro buona volontà verso le manovre di igiene, sia in studio che a casa.
Non ci basta dire bravo o brava. Troppo semplice, riduttivo.
Una persona, e ancora di più un bambino, quando decide di prendersi seriamente cura della propria salute, si merita un vero e proprio elogio per i risultati raggiunti. Il risultato deve essere celebrato.

Non si può lodare a gesti, bisogna farlo con le parole. Pronunciamo un elogio verso qualcuno per celebrare le sue azioni. La lode è uno strumento di riprova sociale. La lode deve essere pubblica. Apprezziamo le qualità e le azioni di qualcuno. Abbiamo preparato dei percorsi studiati appositamente per migliorare e mantenere lo stato di salute ottimale per la bocca dei pazienti.

Si inizia da un punto che viene registrato con numerosi parametri e si arriva, dopo un percorso preciso e ben delineato, ad un altro punto con un livello più alto di salute.

Nel caso di un bambino, viene consegnato anche un diploma di “Campione di spazzolamento”. Sembra una cosa banale ma non lo è.
Conservo ancora da qualche parte il diploma del primo corso di tennis che ho portato a termine. Può non significare nulla per altri ma è importante per me. Quando lo rivedo lo ricordo con nostalgia, mi fa venire in mente l’idea di essere stato capace di raggiungere un traguardo, piccolo ma che mi ha aperto la possibilità di raggiungerne altri più importanti. Il diploma è un modo per lodare l’impegno di una persona, aumenta l’autostima e stimola al raggiungimento di traguardi più impegnativi.

Quest’anno loderemo tutti quelli che si porteranno a casa dei risultati importanti per la loro salute, celebreremo il loro impegno e magari festeggeremo anche insieme…

C'è un commento su “Lode alla buona volontà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.