Goodbye 2018

goodbye2018-il blog del dottormic-

E così siamo arrivati alla fine del 2018. Tempo di bilanci e di considerazioni su ciò che è stato fatto.

Come sempre quest’anno abbiamo introdotto in studio tanta tecnologia in modo da avere sempre a disposizione tutti gli strumenti per svolgere al meglio il nostro lavoro. Abbiamo adottato nuovi sistemi per lo sbiancamento professionale per venire incontro alle esigenze estetiche di tutti i pazienti. Tutti gli igienisti e alcuni dottori hanno partecipato a corsi di aggiornamento sulle ultime terapie laser assistite; possiamo quindi curare meglio tutte le situazioni che presentano infiammazione all’interno della bocca con soluzioni innovative e sempre più confortevoli. Da quest’anno poi abbiamo cambiato il modo di fare le otturazioni dei denti. Con specifici macchinari possiamo costruire otturazioni in modo più affidabile e duraturo ma soprattutto più conservativo e rispettoso della struttura dei denti. Applichiamo apparecchi ortodontici sempre più invisibili e affidabili con risultati certi che rispecchiano le richieste dei pazienti più giovani e dei pazienti adulti.

C’è stato poi un grosso cambiamento per quello che riguarda la privacy di ognuno di noi grazie all’introduzione della nuova legge europea che regola la conservazione e il trattamento dei dati personali dei pazienti. Un grosso impegno per rispettare le regole che aiutano a migliorare la sicurezza e la vita delle persone.

E poi abbiamo appena avviato una nuova campagna di comunicazione che si chiama Vogliamoci Bene per cominciare a sentirsi veri protagonisti della propria salute.

Abbiamo fatto tante cose anche se non è stato un anno facile. Tanti impegni lavorativi si sono incrociati con fatti personali felici e meno felici, con malattie e con nuovi arrivi. Questa in fondo è la vita che scorre e che, proprio alla fine dell’anno, richiede un momento per fermarsi e riflettere su ciò che è stato, allo scopo di riprendere le energie e ricominciare con tanti nuovi progetti.

In fondo c’è un giorno che, per convenzione, abbiamo stabilito essere l’ultimo giorno di un anno al quale segue il primo di un anno nuovo. Sarebbe un giorno qualunque se non fosse per il fatto che ci dà la possibilità di fare dei bilanci e acquisire tutte le consapevolezze necessarie sulle tante cose che dobbiamo ancora affrontare. Tante cose fatte e tante idee e progetti per il futuro ma di questi ultimi ne riparliamo nella seconda parte…magari l’anno prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.