Trasparenza

trasparenza - il blog del dottormic-

Questa settimana, durante la convention di 1SorrisoXTutti, abbiamo avuto il primo incontro con l’avvocato che si occupa di allineare lo studio alle nuove norme che regolano la gestione dei dati personali dei pazienti. Da pochi giorni è infatti entrata in vigore la nuova legge europea sulla privacy.

All’inizio, come tutte le nuove incombenze, questa recente modifica della legge che comporta non pochi oneri da parte di chi come noi, usa e gestisce dati sensibili, ci è sembrata l’ennesimo obbligo inutile e dispendioso a cui sottostare.
In realtà abbiamo scoperto che non è così. La nostra privacy è molto importante e tutti dobbiamo imparare a considerarla come tale e a curarla in modo responsabile. In queste settimane scriverò alcuni articoli con i quali mi piacerebbe condividere non tanto l’aspetto normativo quanto l’impatto che questo decreto avrà o dovrebbe avere sulle nostre vite.

Un concetto che mi ha colpito è quello della trasparenza. Per un’azienda come il nostro studio è una grande opportunità per far vedere ai nostri pazienti come trattiamo i loro dati e che uso ne facciamo. Se da un lato non è più ammesso considerare le informazioni su una persona, un semplice materiale di scambio, dall’altro è necessario motivare l’uso che viene fatto di tali informazioni, nel nostro caso, per fini di cura.

Se chiediamo che lavoro fanno i nostri pazienti dobbiamo informarli e dimostrare che lo facciamo per poter fornire un servizio migliore e più adeguato alle loro esigenze. Non possiamo farlo senza motivo o peggio per usare questa informazione al di fuori della necessità della cura. Non è questa una questione di poco conto o banale. Ogni giorno concediamo informazioni sulla nostra vita in maniera più o meno consapevole.

La trasparenza che N.O.I. offriamo da oggi, è la stessa che tutti dovremmo pretendere quando si tratta di informazioni sulla nostra vita personale. È meglio cominciare a pensarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.